Mele - CORTE ARTEMIDE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mele

COSA FACCIAMO > Frutti antichi


MELE (Malus communis Rosacee)


Principali costituenti conosciuti:
Acqua: 84-93, ceneri: 0,30; zuccheri riduttori: 8,30; saccarosio: 1,60-4; cellulosa, 0,90-1,70; pentosano: 0,50; lignina: 0,40; acidi liberi: 0,60; acidi combinati: 0,20; pectina: 0,40; materie grasse: 0,30; protidi: 0,10-0,25; indeterminato: 0,03
Nelle ceneri: potassio, sodio, silice, calcio, cloro, acido fosforico, ferro, magnesio, bromo, alluminia, arsenico, zolfo, manganese, cobalto, tannino.
Nella buccia e nel torsolo: acido gallotannico.
La sua essenza contiene: eteri amilici, acido formico, acetico, caproico, acetaldeide, geraniolo.
Vitamine: povera di vitamina A, la mela contiene: Vitmaina B1 (10-100 mg per 100 gr), di Vitamina B2 o oribolflavina (0,05 mg per 100 gr), Vitamina PP nelle parti esterne del frutto (0,5 mg per 100 gr), l'epidermide ne contiene più del doppio della polpa, acido pantotenico (0,06 mg per 100 gr), infine Vitamina C: una mela dà 10 mg di vitamina C.
Notevole valore calorico: 128 calorie per 100 gr.
La qualità e le proporzioni dei suoi costituenti conferiscono alla mela importanti proprietà terapeutiche.

Proprietà:
- Tonico muscolare e nervino (uno dei frutti migliori)
- Diuretico uricolitico
- Antireumatico
- Ipocolesterolemico (per la sua pectina)
- Rinfrescante
- Digestivo, stomachico, protettore gastrico
- Antisettico intestinale (favorisce la secrezione d'una diastasi intestinale battericida)
- Stimolante e decongestionante epatico
- Lassativo
- Depurativo del sangue
- "Ringiovanisce" i tessuti

Indicazioni:
- Astenia fisica ed intelletuale (indicata per gli sportivi)
- Sovraffaticamento, convalescenza, gravidanza
- Anemia, demineralizzazione
- Reumatisti, gotta
- Artitismo
- Litiasi urinaria urica
- Oliguria
- Vita sedentaria, obesità, pletora, prevenzione dell'arteriosclerosi, prevenzione dell'infarto
- Epatismo
- Diarree e stipsi, infezioni intestinali
- Erpes
- Stati febbrili
- Ulcere gastriche, gastriti
- Affezioni bronchiali
- Insonnie, nervosismo, cefalee
- Permessa ai diabetici

Modo d'utilizzarla:

Uso orale
Frutto crudo: da mangiarsi con la sua buccia, molto ricca di principi diversi (se non è stata irrorata di antiparassitari)
Come depurativo: una mela ogni mattina; come lassativo: una mela ogni sera
Frutto in composta: per fare una buona composta di mele, aggiungere all'inizio della cottura il succo di mezzo limone e alla fine, prima di frullare, una noce di burro.
Frutto grattugiato: contro le diarree infantili. Somministrarne da 500 gr a 1500 gr al giorno in cinque pasti. Contro la sete: tè leggermente zuccherato.
Contro l'entercolite e le diarree che accompagnano la dentizione, fare una cura di due giorni in dosi adeguate all'età. Questa preparazione è indicata contro le dissenterie, dispepsie, coliti mucose. Rientra nel regime delle ulcere gastriche.
Dieta di mele crude: in casi di strascichi d'influenza, da 500 gr a 1 kg di mele crude grattugiate come solo nutrimento per due o tre giorni.
Infuso di mele: due o tre mele tagliate a fette con la loro buccia per 1 lt di acqua. Bollire un quarto d'ora. Bere a volontà.Vi si può aggiungere qualche pezzetto di radice di liquirizia (bronchiti, reumatismi, affezioni intestinali).
Infuso con la polvere della buccia: 1 cucchiaio da minestra per una tazza di acqua bollente. Tenere in infusione per quindici minuti. Da quattro a sei tazze al giorno (oliguria, reumatismi, gotta).

Uso esterno:
Otalgie: applicazione di una mela cotta al forno
Scabbia e tigna: tagliare una mela in due, togliere il cuore e i semi e mettere nella cavità un pò di fiore di zolfo. Legare le due metà e cuocere in forno. Schiacciare e frizionare le parti malate con la poltiglia così ottenuta.
Piaghe atone: applicazione di mela pestata e cotta nel suo sugo, applicazione di succo di mela e olio d'oliva in parti uguali.
Cura della pelle: il succo di mela rassoda i tessuti (viso, collo, seno, addome).



LE NOSTRE VARIETA'  :

MELA ABBONDANZA

Varietà antica. Matura la prima settimana di Ottobre. Frutti di medie dimensioni mediamente zuccherina. La mela Abbondanza è resistente al freddo, forma sferica appiattita e colore rosso con striature più scure. La polpa è bianco crema con sapore dolce, ma acidulo, un pò piccante e molto aromatico. Ottima anche cotta al forno.

MELA ARANCIA COX (orange cox)

Origine della Gran Bretagna (cultivar del 1830) la Cox Orange è una pianta dalla media vigoria. Molto apprezzata per il buon sapore.
Il frutto è medio. La buccia è mediamente spessa e poco cerosa, di colore giallo aranciato, striata di rosso scuro. La polpa è bianco crema, molto succosa, fine, abbastanza consistente, mediamente zuccherina, acidula, lievemente aromatica.  Matura a ottobre si conserva a lungo.

MELA DECIO

Il frutto è di forma appiattita, di colore verde con un sovracolore rosa chiaro che si estende sul 20-30% della superficie. Lo si ottiene ponendo i frutti sulla paglia o esponendoli al sole. Il frutto presenta una polpa compatta di colore bianco, caratterizzato da un tipico sapore e profumo ancora apprezzati in alcuni mercati del veronese.
Un melo talmente profumato che alcuni frutti in passato erano usati per dare un buon odore ad armadi, cassetti e guardaroba. Ma il melo decio, dalla polpa soda è ottimo per la produzione di mostarde oltre che per il consumo fresco.

MELA ROSA GENTILE

Pianta molto vigorosa, di almeno 90 anni di età, con elevata e costante produttività.
Frutto medie dimensioni; colore verde con sovraccolore rosso porpora nella prima fase e giallo a maturazione completa. Dolcissima a maturazione. Resistente a manipolazioni.
Caratteri della polpa : bianca, compatta, succosa, aromatica e profumata, di buone caratteristiche gustative.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu